.

.
Facebook: I lettori di Domenico Losurdo

mercoledì 27 ottobre 2010

Uno scambio di idee con Pietro Ancona

Illustre Professore,
nel suo bel libro "Stalin, una leggenda nera" lei parla di "strage di San Bartolomeo" e di prima o seconda guerra civile". Non capisco a che cosa si riferisce. Vorrebbe avere la gentilezza di spiegarmi che cosa furono questi eventi durante l'era di Stalin?
Le assicuro che la lettura del suo libro mi ha aperto la mente su moltissime cose. Credo che la diffamazione di Breznev e del ventesimo congresso abbia avuto un ruolo decisivo nella caduta della Unione Sovietica realizzata poi con Gorbacev e sopratutto Eltsin che sembra un vero e proprio agente degli USA assieme al ministro degli esteri georgiano poi diventato Presidente nel suo paese Savernaze.
Grazie in anticipo del chiarimento, Pietro Ancona


«Notte di San Bartolomeo» è l’espressione usata da Bucharin, allorché egli mette in guardia contro l’orrore che sarebbe stato inevitabilmente provocato da una collettivizzazione delle campagne fondamentalmente imposta dall’alto. Nella storia dell’Unione Sovietica è il momento tragico per eccellenza: corretta era la previsione di Buchrain; ma corretta era anche l’analisi di Stalin, secondo cui senza la collettivizzazione delle campagne sarebbe stato impossibile assicurare regolari rifornimenti alimentari alle truppe e sconfiggire l’aggressione imperialista che si profilava all’orizzonte.
Sono io invece a distinguere tre guerre civili nella storia del paese scaturito dalla rivoluzione d’ottobre: la prima è contro i Bianchi; la seconda si sviluppa nelle campagne a seguito della collettivizzazione; la terza infuria all’interno dello stesso movimento comunista.
Cordialmente, Domenico Losurdo
P. S.: Della Georgia parlo nel mio libro sulla «Non-violenza»


Professore,
le sono grato dei chiarimenti che ha voluto darmi con una sollecitudine che mi ha piacevolmente sorpreso. Naturalmente può pubblicare sul suo blog e ne sono persino lusingato.
Il suo libro su Stalin mi ha aiutato a riconciliarmi con il comunismo. Io sono sempre stato socialista ma il mio socialismo era anche quello dell'Avanti! che nel 1953 pubblicava il paginone centrale listato di nero con dentro due articoli uno di Pietro Nenni e l'altro di Rodolfo Morandi sormontati da un titolo "Gloria a Stalin". Credo che il danno del ventesimo congresso sia stato enorme se è vero che da allora e per circa cinquanta anni il comunismo è diventato una roba criminalizzata anche dentro la sinistra.
Sono tornato recentemente a guardare con occhi diversi al comunismo prima di tutto con il suo libro e poi attraverso i contatti casuali con persone che vengono dall'est europeo a fare gli schiavi in Italia e che rimpiangono la sicurezza che offrivano i loro paesi ed i servizi di raistoria. Un servizio sulla fabbrica sovietica (mentre qui si parlava di Fabbrica Italia di Marchionne) del 1969 mi ha riaperto gli occhi e poi servizi sul ruolo di Stalin a Teheran e Jalta e sulla Germania Est (Ostalghia, lo trova in internet).
C'è stato recentemente un servizio sull’Ucraina che riproporranno in Rai Storia oggi alle 19 http://www.progettosteadycam.it/pagine/ita/dettaglio_guidatv.lasso?id=7279
In FB ho propagandato il suo libro trovando terreno favorevole in moltissime persone stufe del liberismo che ha contaminato ed ammalorato la sinistra italiana. C'è una grande nostalgia nel popolo di sinistra di recuperare per intero i valori per i quali si siamo battuti nei primi decenni del socialismo italiano. La cosidetta "modernità" si è svelata un imbroglio!
Con stima, Pietro Ancona (Palermo)

4 commenti:

Mattia ha detto...

Gentile professore,
mi piacerebbe sapere da lei quali sono i punti di forza e di debolezza del libro della Applebaum e di Chlevnjuk sui GULAG, e anche perche nel suo libro sul compagno Stalin quando affronti il tema controverso dei GULAG usi prevalentemente come fonti la Applebaum e Chlevnjuk.

SALUTI COMUNISTI

Mattia

Domenico Losurdo ha detto...

Ho utilizzato soprattutto la Applebaum che, nell'affrontare il tema del gulag, si distingue per l'ampiezzza e anzi la completezza della ricostruzione storica. Il suo punto di vista è pregiudizialmente anticomunista e demonizzatore in particolare di Stalin, ma il materiale che l'autrice con onestà intellettuale riporta finisce col mettere in crisi il pregiudizio ideologico.
Domenico Losurdo

Anonimo ha detto...

Compagno Losurdo,
sono uno studente comunista di Milano di 22 anni.
Mi piacerebbe sapere da lei se si può sfatare l'accusa di Chruscev contenuta nel Rapporto segreto secondo cui durante le grandi purghe dei 139 membri del Comitato Centrale 98 furono arrestati e fucilati.
Poi ultimamente ho anche sentito un altro cavallo di battaglia anticomunista: ossia quello dei comunisti tedeschi che Stalin consegnò ha Hitler.
In proposito ho letto recentemente il testo della Bauber Neuman.
Mi piacerebbe sapere da lei documentariamente se si possono sfatare sia le accuse di Chruscev sia il cavallo di battaglia della Neuman sui comunisti tedeschi che Stalin consegnò a Hitler.

Un saluto a pugno chiuso

Mario

Domenico Losurdo ha detto...

Se anche in casi del genere la cautela è d’obbligo, devo dire che sul secondo punto non sono sufficientemente documentato, Per quanto riguarda il primo punto, il problema va posto diversamente:
come è avvenuto che lo scontro politico all’interno del gruppo dirigente bolscevico sia sfociato in una guerra civile senza esclusione di colpi da una parte e dall’altra? A rispondere a questo interrogativo è impegnato tutto il secondo capitolo del mio libro su Stalin.
Si tratta in effetti di una guerra civile. Trotskij non si limita a salutare con calore l’attentato che costa la vita a Kirov, il più stretto collaboratore di Stalin. C’è di più: Trotskij bolla Stalin come uno zar e un Nicola II redivivo e persno come uno strumento di Hitler; e dunque gl oppositori avevano non solo il diritto ma anche il dovere di far ricorso a tutti i mezzi (compresa la lotta armata) per porre fine a questa situazione. Paradossalmente, gli odierni «trotskisti» sono i peggiori denigratori di Trotskij allorché dipingono lui e i suoi seguaci come agnelli, anzi come pecore, che senza opporre resistenza si lasciano portare docilmente al macello dal macellaio insediato al Cremlino!