.

.
Facebook: I lettori di Domenico Losurdo

giovedì 25 marzo 2010

Diversi siti parlano della non-violenza

Il libro di Domenico Losurdo sta già suscitando interesse e discussioni. L'intervista rilasciata a Marie-Ange Patrizio è stata ripresa da molti siti e blog, alcuni dei quali nell'America Latina. Uno di questi siti che qui sotto indichiamo è particolarmente vicino al fronte di resistenza dell'Honduras.
voselsoberano hondudiario antimilitaristas panoramacatolico

Ringraziamo inoltre l'amico Fulvio Grimaldi per aver raccomandato la lettura de La non-violenza nel suo seguitissimo blog Mondocane.

Sono importanti segnali di un'attenzione simpatetica diffusa. Un'attenzione, però, che stenta purtroppo ad affermarsi nella sinistra italiana. E questo nonostante il rilievo politico generale del libro e nonostante proprio la sinistra italiana - visto il suo  tracollo ideologico, prima ancora che organizzativo ed elettorale - abbia più di un motivo per confrontarsi con i problemi che il libro pone [SGA].

lunedì 22 marzo 2010

Domenico Losurdo martedì 23 marzo a Bellinzona


Anche in portoghese l'intervista sulla non-violenza

A não-violência: o mito e as realidades
por Domenico Losurdo, entrevistado por Marie-Ange Patrizio

Na obra agora lançada em Itália, La non-violenza. Una storia fuori dal mito, o professor Domenico Losurdo explora o conceito de não-violência e a sua utilização actual. Afastando-se das ideias feitas, ele mostra as ambivalências do conceito. Muitas vezes a exigência pacifista pode também constituir uma fuga à responsabilidade e torna-se uma roupagem de propaganda para toda a espécie de ingerências...

Ancora un'intervista sulla non-violenza

Da "Il Ducato", periodico dell'Istituto per la formazione al giornalismo dell'Università di Urbino, marzo 2010





















venerdì 12 marzo 2010

La nonviolenza: interviste e recensioni

E' stata pubblicata anche in spagnolo l'intervista a Domenico Losurdo sulla non-violenza:

Entrevista al profesor, filósofo e historiador comunista Domenico Losurdo

La no violencia, mito y realidades
 
Un libro que sale a la venta hoy en Italia, « La non-violenza. Una storia fuori dal mito », del profesor Domenico Losurdo explora el concepto de no violencia y su uso en la historia contemporánea. Dejando de lado las ideas preconcebidas, muestra también sus ambigüedades. Lo que a menudo ha sido una exigencia de carácter pacifista, también puede ser una manera de huir de las responsabilidades y se convierte hoy en un disfraz de la propaganda para justificar todo tipo de injerencias. El profesor Domenico Losurdo responde a las preguntas de Marie-Ange Patrizio sobre este tema...
Leggi tutto (dal sito Rebelion)


Nel frattempo, è uscita anche la prima recensione:

"Il Roma", 9 marzo 2010

mercoledì 10 marzo 2010

Fermare l'aggressione all'Iran! Un nuovo appello

Fermare l’aggressione all’Iran! Denuclearizzare l’intero Medio Oriente! Porre fine all’assedio di Gaza e al martirio del popolo palestinese!
Arrêter l’agression contre l’Iran! trad. fr. par Marie-Ange Patrizio

Domenico Losurdo, Gianni Vattimo, Danilo Zolo, Margherita Hack, Lucio Manisco...
Sin da quando G.W. Bush definì l’Iran uno “Stato canaglia” è in corso contro questo paese dalla storia plurimillenaria e il suo governo una brutale campagna di demonizzazione; una campagna fondata sulla menzogna che con tutta evidenza serve a spianare la strada all’aggressione militare.
Tutti ricordiamo come fu preparata la guerra all’Iraq. Mentre le sanzioni e l’embargo provocavano mezzo milione di morti (anzitutto bambini, a causa dell’assenza di medicinali, latte e beni di prima necessità), l’Iraq era accusato di accumulare “armi di distruzione di massa”. Come dimenticare la grande messa in scena con cui Colin Powell, per giustificare quella che sarà la più grande carneficina dopo il Vietnam, giunse a ingannare l’assemblea dell’ONU mostrando la famigerata “pistola fumante”?
Gli Stati Uniti, che difendono la loro supremazia mondiale con migliaia e migliaia di testate nucleari e la più imponente macchina bellica di tutti i tempi, giustificano le terribili sanzioni da imporre all’Iran e l’eventuale attacco militare con l’argomento secondo cui la Repubblica islamica cercherebbe di dotarsi della bomba atomica per poter attaccare Israele. L’accusa è sdegnosamente respinta da Tehran, e comunque ancora una volta la Casa Bianca usa due pesi e due misure. E’ infatti noto che Israele possiede centinaia di testate nucleari, buona parte delle quali puntate sull’Iran e ognuna delle quali potrebbe radere al suolo Tehran...

mercoledì 3 marzo 2010

E' uscito "La non-violenza", il nuovo libro di Domenico Losurdo

Pubblichiamo un'intervista di Marie-Ange Patrizio a Domenico Losurdo, nella quale vengono esposti alcuni dei temi più importanti del libro. Nei prossimi giorni Domenico Losurdo realizzerà un'intervista per la PdCI TV [SGA].

Non-violenza, lotta per la pace e «rivoluzioni colorate»
Un’intervista a Domenico Losurdo
di Marie-Ange Patrizio

D. Il tema della non-violenza ci fa subito pensare a Gandhi: qual è il giudizio che esprimi su questa grande personalità storica?

R. Occorre distinguere due fasi nell’evoluzione di Gandhi. Nel corso della prima egli non pensa affatto a un’emancipazione generale dei popoli coloniali. Chiama invece la potenza coloniale, la Gran Bretagna, a non confondere il popolo indiano, che al pari degli inglesi può vantare un’antica civiltà e origini razziali «ariane», coi neri, anzi coi «rozzi cafri, la cui occupazione è la caccia e la cui sola ambizione è di radunare un certo numero di capi di bestiame al fine di acquistare una moglie per poi trascorrere un’esistenza di indolenza e nudità». Pur di conseguire la cooptazione nella razza dominante, nel popolo dei signori (ariani e bianchi), agli inizi del Novecento Gandhi chiama i suoi connazionali a mettersi al servizio dell’esercito imperiale impegnato in una feroce repressione a danno degli zulù...

lunedì 1 marzo 2010

La RTV Svizzera intervista Domenico Losurdo su Stalin

Intervista su Stalin di Sabrina Faller a Domenico Losurdo per la trasmissione "Foglio volante" della Radiotelevisione della Svizzera italiana, inserto del 24 febbraio 2010, ore 18.00 (audio)