.

.
Facebook: I lettori di Domenico Losurdo

sabato 5 settembre 2009

Risposta a un lettore su Stalin

3 settembre 2009 11.44,  Matteo ha detto...

Premetto che è lungi da me paragonare l'Unione sovietica al nazismo, tuttavia credo che il patto con la Germania sia stato un errore politico fondamentale, non solo perché gettò, come era ovvio, confusione tra i partiti comunisti di mezza Europa, ma soprattutto perché, come viene giustamente sostenuto anche nel pezzo citato, l'obiettivo principale di Hitler non era l'Europa, ma l'Urss, di conseguenza era chiaro che quel patto sarebbe stato solamente un tentativo di Hitler di ingannare Stalin e che sarebbe stato puntualmente disatteso, come poi è avvenuto.
Condivido l'opinione sull'atteggiamento decisamente miope delle potenze europee, Gran Bretagna in testa, circa la politica della Germania e le loro responsabilità nel non aver arrestato per tempo l'espansione nazista, ma anzi nell'averla agevolata, tuttavia non si può non riconoscere parimenti una responsabilità da parte sovietica nel non aver tentato una via diplomatica con Usa e Gran Bretagna, visto che dalla Germania non ci si poteva aspettare altro che un'invasione, iniziativa che invece quantomeno non sarebbe partita dai paesi anglosassoni.

Domenico Losurdo:
Non c’è dubbio che l’Alleanza tra Urss e democrazie occidentali sarebbe stata la strategia ideale per fronteggiare il Terzo Reich e il nazifascismo. E’ la linea proposta dal VII Congresso dell’Internazionale Comunista nel 1935. Negli anni immediatamente successivi, però, c’è l’espansione del nazi-fascismo in Spagna, Etiopia, Austria, Albania, l’aggravarsi dell’aggressione giapponese in Cina e ai confini dell’Urss, lo smembramento della Cecoslovacchia, il tutto con la complicità o passività delle democrazie occidentali e della Polonia, che ostinatamente rifiutano le proposte di allenza provenienti da Mosca. E’ a questo punto, in questa situazione tragica, che l’Urss si decide al patto con la Germania.
L’atteggiamento in particolare dell’Inghilterra ben si spiega. Non si tratta di singole personalità «miopi» (Chamberlain). Circoli importanti dell’imperialismo britannico comprendevano un punto essenziale: l’alleanza con l’Urss (e i comunisti) avrebbe significato sì la sconfitta del progetto hitleriano di edificare le «Indie tedesche» in Europa orientale, ma questa sconfitta avrebbe trascinato anche il crollo dell’India coloniale britannica e dell’Impero britannico nel suo complesso, come in effetti è avvenuto! Ancora oggi non mancano gli storici inglesi che rimpiangono il mancato accordo tra Impero britannico e Impero germanico…
La firma del patto con la Germania non mette fine all’azione dell’Urss e di Stalin per indebolire il Terzo Reich: rinvio a tale proposito alle pp. 183-187 del mio libro.

1 commento:

Matteo ha detto...

La pregiudiziale anticomunista degli inglesi era forte, ma era anche forte quella antioccidentale da parte di Stalin che dimissionò il suo ministro Litvinov, troppo "filo-occidentale", certo non un messaggio di "apertura" verso gli inglesi. Insomma, la storia ci insegna che non è sempre la scelta più razionale quella che prevale, perché se così fosse stato sia Urss che Gran Bretagna avrebbero dovuto profondere tutte le loro energie per cercare un accordo. Invece così non è stato perché il sospetto nei confronti dei comunisti (o degli anticomunisti) era più grande di quello verso i nazisti. Del resto la politica di Stalin anche rispetto alle forze antifasciste più autentiche non era propriamente amichevole (basti pensare alla teoria del "socialfascismo").
Probabilmente se tutto questo non fosse successo (e se le "purghe" non avessero azzerato l'Armata Rossa) la storia sarebbe stata diversa e il numero di vittime inferiore.
Ma questa naturalmente è solo una mia opinione non dimostrabile.