.

.
Facebook: I lettori di Domenico Losurdo

venerdì 7 ottobre 2011

Il Partito Comunista Siriano (unificato) sugli avvenimenti in corso nel suo paese

su http://www.solidnet.org | Traduzione a cura di http://www.marx21.it

Husein Nemer, primo segretario del Partito Comunista Siriano (unificato), uno dei due partiti comunisti (l'altro è il Partito Comunista Siriano) che fa parte del Fronte Nazionale Progressista in Siria (insieme, tra gli altri, al Partito Baath) analizza l'attuale momento della vita politica nel suo paese, pronunciandosi per radicali riforme democratiche, ma allo stesso tempo, nella rete Solidnet, rivolge un appello ai partiti comunisti e operai di tutto il mondo perché si oppongano all'aggressione imperialista in atto contro la Siria...
Leggi tutto

2 commenti:

Anonimo ha detto...

il pluralismo e la democrazia sono sempre le risorse giuste?Nel senso davvero una società,anzi uno Stato migliora perchè ha tanti partiti e tanti giornali di diversa opinione.Oppure questa è un'abile manovra per confondere la gente?Faccio un esempio:in Italia abbiamo diversi partiti e diversi modi per esprimere la nostra opinione,espressione,stampare le notizie.Possiamo anche manifestare contro il governo,da noi e nel resto del mondo ci sono gli indignados-una delle tante facce movimentiste che ballano un paio di stagioni prima delle tenebre-nondimeno sono portato a credere,non so quanto a torto o a ragione,che tutta questa presunta libertà sia ben accetta dal regime perchè ampliando punti di vista e di espressione è facile diminuire l'impatto contro il pensiero unico alla base delle democrazie liberali,(che rammentiamo sono regimi colonialisti e classisti nonostante facciano di tutto usando e stravolgendo il buon senso pacifico,per farsi passare come reali democrazie),in poche parole abbiamo si blog e social network e giornali di opposizione,ma essi non riescono a influire come egemonia sulle masse,perchè i mezzi di produzione e quindi di informazione sono nelle mani delle grandi borghesie capitaliste.

Mi chiedo :ma nei paesi come la Siria,i compagni hanno ben capito cosa si nasconde di vero e reale dietro l'elogio del pluralismo e della "democrazia" come testimonianza di opinioni o di aver più partitelli su cui mettere una crocetta?

Saluti Davide Viganò,Lissone

Claudio ha detto...

http://www.campoantimperialista.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1755:lassad-sara-rovesciato-dal-popolor&catid=28:siria-cat&Itemid=40